Quinoa bicolore ai quattro cavolfiori cotta sottovuoto

La quinoa è una pianta erbacea che cresce spontaneamente sulle Ande.

Un tempo poco diffusa in Italia per la difficoltà di coltivazione dovuta all’ambientazione climatica, era fondamentale nell’alimentazione quotidiana degli Aztechi e degli Incas.

Spesso erroneamente creduta un cereale, appartiene in realtà alla stessa famiglia di spinaci e barbabietole e, come loro, è ricchissima di benefiche sostanze nutritive.

Con l’evoluzione dei sistemi di coltura e la facilità di spedizione da una parte all’altra del globo, la quinoa è oggi conosciuta anche da noi e spesso presente sulle nostre tavole.

Molto utilizzata in tante preparazioni è particolarmente apprezzata da chi segue un regime dietetico vegano o vegetariano, per l’apporto di carboidrati, fibre, sali minerali e proteine vegetali, ma anche da chi soffre di celiachia, in quanto non contiene glutine.

Per conservarne intatte le qualità organolettiche, e per facilitarne la preparazione, il genio Alladin ha pensato ad una ricetta nella quale è abbinata ad un ortaggio particolarmente apprezzato e benefico: il cavolo, qui in quattro diverse qualità.

Ecco la ricetta.

Quinoa bicolore ai quattro cavolfiori

 

quinoa

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 g di quinoa bianca e rossa
  • 100 g di cavolfiore bianco
  • 100 g di broccolo nero
  • 100 g di cavolfiore viola
  • 100 g di broccolo romano verde
  • mezzo cucchiaino di sale
  • un peperoncino
  • un cucchiaio di olio di oliva
  • un cucchiaino di aceto bianco
  • una cipolla bianca
  • un bicchiere di acqua

Preparazione:

Accendete il forno in modalità “ventilato” a 150°.

Lavate e pulite i cavolfiori ed i broccoli e suddivideteli in cimette.

Affettate finemente la cipolla.

Unite le cimette alla quinoa e alla cipolla e condite il tutto con l’olio, il sale, il peperoncino tritato (se non amate il piccante potete ometterlo) e l’aceto.

Mescolate bene e disponete il tutto sul fondo della vasca del #sousvideAlladin.

quinoa-prima

Versate il bicchiere di acqua, chiudete saldamente il coperchio e fate il sottovuoto.

verza 4

Infornate per 30 minuti. Se il vostro forno non ha la modalità “ventilato” prolungate la cottura di 5 minuti a 160°.

Questo tipo di cottura offre innumerevoli vantaggi: non dovrete controllare e rimescolare; non si spargeranno cattivi odori; le proprietà nutritive non si disperderanno; anche l’aspetto ed i colori resteranno intatti e molto più invitanti; il gusto sarà intenso e percepibile.

quinoa-dopo

#sousvideAlladin è il sistema di cottura del futuro!

Per informazioni scrivete a: info@sousvidealladin.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *